Gennaro Gattuso incontra gli studenti di Scienze Motorie dell’Università di Bologna

A tu per tu con i nuovi atleti-scienziati dello sport, il popolare calciatore, già Campione del Mondo, svelerà, presso il campus di Rimini dell’Alma Mater Studiorum, il segreto dei suoi molti successi


Gattuso

Gennaro Gattuso detto Rino, ma da tutti conosciuti come «Ringhio» per via dell’espressione determinata con cui affrontava gli avversari giocando come centrocampista nel Milan campione d’Europa (2003 e 2007) e nella Nazionale di calcio vittoriosa ai Mondiali di calcio 2006, giovedì 27 marzo terrà a Rimini un incontro con gli studenti in Scienze Motorie dell’Università di Bologna. È stato invitato dal Corso di Laurea Magistrale in MAMS-Management delle Attività motorie e sportive, uno dei due corsi di studio che l’Alma Mater ha attivato nella sede romagnola (altri tre sono attivi nella sede centrale). Abbiamo chiesto al Prof. Paco D’Onofrio, coordinatore della MAMS e docente di Istituzioni e mercato nelle Attività motorie e sportive, di presentarci brevemente le ragioni di questo incontro, che si svolgerà dalle 14:45 alle 17 nell’Aula magna “Federico Fellini” del Palazzo Uni.Rimini (v. Angherà, 22 – Rimini).

Cosa si aspettano gli studenti da Gennaro Gattuso?

Indubbiamente la disponibilità mostrata da Rino ad incontrare gli studenti di Scienze Motorie rappresenta una grande occasione per loro e, più in generale, per la Scuola di Farmacia, Biotecnologie e Scienze Motorie dell’Alma Mater Studiorum. Sarà una grande occasione per confrontarsi sul presente e sul futuro delle professioni sportive  e sulle caratteristiche che deve avere un laureato oggi, per avere successo in un campo in grande sviluppo e che abbisogna di specialisti ben formati su molteplici discipline –come qui, sia a Rimini, sia Bologna, ci sforziamo come Università di fare ogni giorno. L’incontro dovrebbe risultare ancora più interessante, poiché gli studenti potranno intervenire e rivolgere domande a un grande esperto di livello sportivo internazionale, qual è Gennaro Gattuso.

Perché si è scelto di chiamare proprio Gattuso? Che cosa rappresenta e cosa può trasmettere questo sportivo?

Gattuso rappresenta un esempio positivo da seguire per questi ragazzi/studenti, ma anche per tutti noi. Partito “dal basso”, senza l’aiuto di nessuno è stato in grado di raggiungere i successi più alti a livello sportivo nel mondo del calcio. È un ex calciatore che ha vinto tutto con la sua squadra di club, il Milan, e soprattutto con la nostra Nazionale di calcio, nella celebre e mai dimenticata vittoria a Berlino nei Mondiali 2006.

Parlando di futuro: quali sono le caratteristiche che dovrà avere un laureato in Scienze Motorie per essere un buon professionista?

L’Italia in questi anni ha fatto un eccellente lavoro, creando in una dozzina di anni, a partire dall’esperienza dell’Isef, l’Istituto superiore di Educazione fisica, oltre 80 Corsi di Studio in 33 Università, distribuite sul territorio nazionale. Ora sono migliaia gli studenti che possono orientare la propria vocazione all’atletismo e allo studio del movimento entro i binari di una formazione scientifica a 360°, che va dalle scienze bio-mediche, alle tecniche motorie e sportive, e alle scienze sociali e umane.

Si tratta invece di capire quale sia l’approccio migliore da avere in un ambiente lavorativo fuori dall’Università; come poter gestire le situazioni difficili, come organizzare il lavoro e le relazioni sociali, come risolvere i problemi posti da risorse vincoli ed opportunità, ecc. Ritengo che un ospite di livello internazionale come Gattuso, che è stato un grande calciatore e ora fa l’allenatore di calcio, potrà farci riflettere ed essere da stimolo per questi ragazzi per capire come affrontare le situazioni della vita in ambito sportivo e non solo. Sarà poi una grande occasione, visti i suoi trascorsi all’estero, per confrontare il modello italiano di calcio con quello realizzato negli altri Paesi; credo che per tale panoramica non esista un ospite migliore di Gennaro Gattuso. 

 

Informazioni sempre aggiornate su attività ed eventi nelle Scienze dello Sport dell’Università di Bologna  si possono trovare nel sito web dello SportComLab dell’“Alma Mater” all’indirizzo: http://www.sportcomlab.it.

Stefano Martelli

Ordinario di Sociologia dei Processi culturali e comunicativi

presso i CdS in Scienze Motorie

Responsabile dello SportComLab dell’Alma Mater

Per ulteriori informazioni riguardanti l’evento è possibile contattare il Dott. Alberto Basalù: vocescienzemotorie@unibo.it

Lascia un commento

Filed under News generali